Qualche settimana fa ho notato una bicicletta del bike sharing milanese nei pressi di una delle loro stazioni. Mi è parsa un po’ troppo accartocciata e veramente molto abbandonata.

Non sono stato molto a pensarci e ho chiamato il call center del BikeMi per segnalagli che c’era una bici abbandonata, avvisandoli che se non si muovevano rapidamente probabilmente non sarebbe rimasta tale a lungo.

In effetti li chiamo abbastanza spesso: per lamentarmi di stazioni che dovrebbero essere in funzione e non lo sono, biciclette danneggiate (magari anche un po’ pericolose, ecc…). Immagino che gli operatori inizino a riconoscere la mia voce.

Un paio di giorni prima del mio compleanno, mi è arrivata una mail in cui mi avvisano che la mia segnalazione gli ha permesso di recuperare una bici rubata, pertanto mi regalavano un anno di abbonamento.

Piacevolmente colpito dall’efficenza del customer care ne ho parlato subito con un paio di persone. Un paio mi hanno fatto notare che il costo di una bicicletta è nettamente superiore al costo di un abbonamento annuale per cui è sicuramente un gran vantaggio per la società.

Tutto sommato posso dire di averlo fatto con una sorta di egoismo positivo: se le cose funzionano bene per BikeMi funzionano bene anche per me che sono un loro utente. Una bici in più recuperata per loro è anche una bici in più a disposizione per tutti quelli che usano il servizio, compreso me. Inoltre non mi è costato nulla…in senso letterale: ho un abbonamento flat, li ho chiamati mentre mi allontanavo a piedi dalla stazione. per me non è stato molto diverso dalle volte in cui li ho chiamati per indicargli che una bicicletta aveva un freno rotto, o altro.

Coincidenzialmente, il giorno precedente avevo denunciato lo smarrimento della tessera, con conseguente giramento di scatole da parte mia.

Ho pensato più di una volta alle reazioni che ho riscontrato a questo racconto: indifferenza, complimenti per l’anno di omaggio in regalo, battute sul tenere gli occhi aperti per scovarne altre, minimizzato il costo per l’azienda…  In effetti io gli attribuisco un valore diverso: quante aziende ringraziano chi gli da una mano? Quante trasformano i clienti in evangelist? Perché le reazioni di chi è abbonato al servizio sono state diverse da quelle di chi non lo è…

Pin It on Pinterest

Share This